);

Brescianino, “Le mani che parlano”